Notizie da Orphazyme

Orphazyme riporta dati positivi sull’arimoclomol dall’estensione “in aperto” di fase 2/3 nella malattia di Niemann-Pick di tipo C

  • I dati a 12 mesi dallo studio clinico “in aperto” mostrano effetti prolungati nel ridurre la progressione della malattia in due anni
  • La nuova analisi di sottogruppi genetici raccomandata dalla Food and Drug Administration statunitense supporta la solidità dei risultati
  • Richiesta della nuova applicazione farmaceutica negli Stati Uniti  per il primo semestre 2020, con la prevista approvazione nel primo semestre del 2021

Copenaghen, Danimarca, 3 gennaio 2020 – Orphazyme A / S (ORPHA.CO), un’azienda biofarmaceutica pioniera della risposta alle proteine ​​Heat-Shock per il trattamento delle malattie orfane neuro-degenerative, annuncia oggi i dati provvisori di 12 mesi dell’estensione dello studio “in aperto” di fase 2/3 sull’arimoclomol, un prodotto sperimentale candidato allo sviluppo per la malattia di Niemann-Pick di tipo C (NPC).

I dati a lungo termine dimostrano un impatto positivo continuo sulla progressione della malattia per due anni. Inoltre, i dati separati da un’analisi post-hoc di un sottogruppo genetico di pazienti forniscono ulteriori prove dell’efficacia di arimoclomol.

Questi nuovi dati rafforzano le applicazioni normative di marketing per l’arimoclomol negli Stati Uniti e in Europa. Orphazyme prevede di presentare una nuova domanda per l’utilizzo dell’arimoclomol in NPC alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti nel primo semestre 2020 e una domanda di autorizzazione all’immissione in commercio (MAA) in Europa nel secondo semestre del 2020.

Thomas Blaettler, Chief Medical Officer, ha commentato: ” Siamo fortemente incoraggiati dai risultati a 12 mesi del nostro studio. L’arimoclomol ha avuto un effetto prolungato sulla progressione della malattia per due anni. Inoltre, i pazienti inizialmente randomizzati al placebo nello studio controllato con placebo hanno sperimentato una riduzione del 90% nella progressione della malattia quando sono passati al trattamento con arimoclomol”.

Kim Stratton, Amministratore delegato, ha dichiarato: “Questi nuovi dati confermano i nostri preparativi commerciali per il lancio di arimoclomol negli Stati Uniti e in altri mercati chiave. Attendiamo con impazienza la richiesta di approvazione e l’immissione sul mercato di questo trattamento innovativo per rispondere al bisogno insoddisfatto di questa malattia devastante. L’arimoclomol è un composto molto promettente che ha il potenziale per cambiare in meglio la qualità della vita e stiamo continuando il suo sviluppo in altre tre indicazioni: sclerosi laterale amiotrofica (SLA), miosite sporadica del corpo inclusivo (sIBM) e malattia di Gaucher ”.

Confermati i risultati della sperimentazione di fase 2/3 di Arimoclomol nell’NPC.

Nel 2019, l’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito (MHRA) ha eseguito un’ispezione di routine dell’organizzazione di ricerca clinica che ha condotto la sperimentazione per conto di Orphazyme. A seguito di un processo concordato con l’MHRA, i dati dello studio sono stati riesaminati e l’efficacia complessiva e la sicurezza precedentemente riportate sono state confermate. Il trattamento con arimoclomol in aggiunta alle cure cliniche di routine ha determinato una differenza di trattamento di -1,34 (uguale a quanto riportato in precedenza) e un valore p = 0,0537 misurato dall’endpoint primario, scala di gravità clinica NPC a 5 domini (NPCCSS a 5 domini).

 

 

La nuova analisi del sottogruppo genetico supporta ulteriormente la robustezza dei risultati della sperimentazione di fase 2/3.

In NPC, le mutazioni null funzionali omozigoti sono predittive di esordio precoce e decorso rapido della malattia progressiva. La FDA ha raccomandato di analizzare l’influenza delle mutazioni omozigoti sui risultati dello studio. Nella fase di sperimentazione controllata con placebo, tutti i pazienti omozigoti per mutazioni null funzionali (n = 3) avevano meno di 4 anni e randomizzati al gruppo di trattamento con arimoclomol (che rappresentano 3 su 4 pazienti con arimoclomol in questa sotto-popolazione). Quando si tiene conto di questo squilibrio dell’assegnazione del trattamento, l’arimoclomol ha un effetto statisticamente significativo sulla progressione della malattia rispetto al placebo (valore p 0,024).

Effetto sostenuto con continua riduzione della progressione della malattia

I risultati dell’estensione in aperto di 12 mesi dello studio randomizzato controllato di placebo di fase 2/3 (CT-ORZY-NPC-002) dimostrano un beneficio duraturo di arimoclomol per un periodo di due anni e ulteriori prove della sua efficacia e profilo di sicurezza . Quarantuno pazienti hanno completato la parte in doppio cieco di 12 mesi dello studio CT-ORZY-NPC-002 e hanno continuato l’estensione “in aperto”, dove tutti i pazienti hanno ricevuto il trattamento con arimoclomol. I pazienti che sono passati dal placebo al trattamento con arimoclomol hanno sperimentato una riduzione simile della progressione della malattia osservata in precedenza in quei pazienti randomizzati al trattamento con arimoclomol nello studio controllato con placebo misurato dal NPCCSS a 5 domini (progressione 0,23 nell’estensione in aperto rispetto alla progressione 2,0 nello studio controllato con placebo).

I pazienti che hanno ricevuto arimoclomol per un totale di due anni hanno mostrato una maggiore progressione nell’estensione “in aperto” rispetto alla parte controllata con placebo. Ciò si è verificato principalmente con pazienti di età inferiore a 4 anni con decorso aggressivo continuo della malattia. Nei sottogruppi predefiniti di pazienti di età pari o superiore a 4 anni e di pazienti trattati con miglustat nell’ambito delle loro normali cure cliniche, l’inizio precoce del trattamento con arimoclomol ha comportato maggiori benefici rispetto all’inizio ritardato del trattamento, indicando che il decorso della malattia è stato modificato dal trattamento.

L’arimoclomol è stato sicuro e ben tollerato per 24 mesi.

 

You Might Also Like